Storia del marchio porsche

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Storia del marchio porsche

Messaggio  Rob1lyn il Gio Ott 23, 2008 5:26 am

Ferdinand Porsche, nato nel 1875, e state senz'altro uno dei più grandi geni dell'automobile; tra l''altro egli continuò la sua opera di progettista anche dopo aver superato i settanta anni di età. Ferdinand Porsche concepì pero le sue migliori 'creature' nella prima meta di questo secolo: in quel periodo egli progetto infatti alcuni modelli ormai entrati nella leggenda tra i quali ricordiamo la Austro - Daimler Prinz Heinrich, la Mercedes Benz 38/250, la Auto Union Grand Prix a 16 cilindri e la Volkswagen. A Porsche va anche attribuita la paternità del carro armato Tiger, della CISITALIA Grand Prix e della Austro - Daimler SASCHA. Durante la Seconda Guerra Mondiale, Porsche lavoro alla progettazione di veicoli militari per l'esercito nazista: per questa ragione, dopo la sconfitta della Germania, fu internato in Francia per due anni. Durante questa prigionia, Porsche collaboro come consulente alla progettazione della Renault 4 CV a motore posteriore. Appena fu autorizzato a lasciare la Francia, Porsche si stabilì a GmLind, in Austria, dove, con l'aiuto del figlio Ferry e di Karl Rabe, realizzo il primo modello sport marcato con il suo nome,

la Porsche 356: per questa automobile utilizzo il motore Volkswagen a 4 cilindri orizzontali contrapposti di 1086 cm³ opportunamente elaborato. A GmLind vennero costruiti 50 esemplari della Tipo 356, tutti 'vestiti' con carrozzeria spider in lega di alluminio. In Austria, pero, vi era una cronica carenza di materiali, di componentistica e di personale qualificato: di conseguenza, Porsche preferì trasferirsi in Germania, a Stoccarda - ZUFFENHAUSEN. In questa nuova fabbrica, la Tipo 356 a motore posteriore fu prodotta in varie versioni di carrozzeria (coupé, cabriolet, trasformabile e speedster) e con diversi motori, di cilindrata compresa tra i 1096 e 1966 cm³. Nel 1965 la Tipo 356 fu rimpiazzata dalla

Porsche 912, equipaggiata con un motore in lega leggera a 4 cilindri orizzontali contrapposti di 1582 cm³. La 912 rimase in produzione sino al 1969. Il primo motore di progettazione completamente Porsche, siglato Tipo 547, e disegnato da Ernst Fuhrmann, entro in produzione nel 1953, un anno dopo la morte di Ferdinand Porsche, avvenuta nel 1952: questo propulsore trovò la sua prima applicazione in una automobile con un innovative telaio a traliccio 'vestito' da una stupenda carrozzeria spider in lega leggera sviluppata nella galleria del vento dell'università di Stoccarda. Questo modello, denominate Tipo 550 Spider, apparve, ancora allo stadio di prototipo, al Salone di Parigi del 1953. Successivamente ne vennero completati 15 esemplari da competizione, ma fu solo verso la fine del 1954 che ne venne avviata la produzione in serie, che raggiunse i 75 esemplari. La maggior parte delle Spider furono esportate in America, dove acquistarono in breve tempo una grossa notorietà.

La famosa Porsche 911, con motore a 6 cilindri orizzontali contrapposti ad albero a camme in testa e cilindrata di 1991 cm³, fece la sua prima apparizione nel 1964; dal 1969, questo modello fu offerto anche con motori di maggior cilindrata, che arrivarono sino a 2993 cm³. Nel periodo 1972-1975, la 911 venne costruita anche nella versione 'Carrera', il cui motore, sempre a 6 cilindri orizzontali contrapposti, aveva una cilindrata di 2687 cm³ e una potenza di 260 CV. Negli anni 1969-1975 la Porsche tenne a listino anche

la 914, uno spider - coupé a motore centrale disponibile con i 4 cilindri Volkswagen di 1795 cm³ e 1971 cm³, oppure con il 6 cilindri Porsche di 1991 cm³, Nel 1979 la Porsche ampliò notevolmente la sua gamma, che passo cosi a comprendere: l

a 924, con motore a 4 cilindri in linea raffreddato ad acqua, di fabbricazione Audi, montato anteriormente (questo propulsore, con 1984 cm³ di cilindrata, era state in origine progettato per un furgoncino); la 911, caratterizzata da una linea piacevolmente tradizionale e offerta nelle versioni SC (motore a 6 cilindri orizzontali contrapposti di 2993 cm³ erogante 180 CV) e Turbo (il cui motore, sempre a 6 cilindri, aveva pero una cilindrata di 3299 cm³ e il sistema di iniezione carburante Bosch KJetronic); e

la 928, eletta 'auto dell'anno' nel 1978, con motore a 8 cilindri a V di 4474 cm³ montate anteriormente. Dopo aver partecipato con tre 924 Turbo alla 24 Ore di Le Mans del 1980, la Porsche, per ottenere l'omologazione 'stradale' di questo modello, costruì una serie speciale di quattrocento coupé 924 Carrera GTS: questo modello, che fu commercializzato solo in Europa, grazie ai 245 CV erogati dal suo motore 2 litri sovralimentato, raggiungeva una velocità massima di 237 km/h. Finalmente, nel 1981,

la Porsche presento il suo primo modello con motore interamente costruito nella propria fabbrica di Stoccarda: si trattava della
944, direttamente derivata dalla 924 e spinta da un 4 cilindri di 2,5litri che era, in effetti, una 'meta' del V8 della 928. Sempre nel 1981, in occasione del Salone di Francoforte la Porsche presento un esemplare della911 Turbo a 4 ruote motrici, senza pero programmarne una vera e propria produzione di serie. Nella prima meta degli anni Ottanta, pur continuando a produrre un'ampia e valida gamma di modelli con motori a 4 cilindri, la Porsche ha aumentato considerevolmente la sua attività di ricerca, portando avanti, nei suoi laboratori di Weissach, numerosi studi a livello molto avanzato per conto di altre industrie motoristiche.
avatar
Rob1lyn
Admin

Messaggi : 30
Data d'iscrizione : 20.10.08
Età : 33

Vedi il profilo dell'utente http://porsche.2forum.biz

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum